Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

FOCUS CORONAVIRUS

Data:

23/07/2021


FOCUS CORONAVIRUS

EMERGENZA CORONAVIRUS - Aggiornamento del 23/07/2021

IN EVIDENZA

FRANCIA: NUOVE MISURE PER I VIAGGIATORI PROVENIENTI DA ALCUNI PAESI. In data 17/07/2021 il Primo Ministro Castex ha annunciato che, a far data dal 18/07/2021, sarà richiesto un test PCR o antigenico con esito negativo, effettuato non oltre le 24 ore dalla partenza, per tutti i viaggiatori non vaccinati provenienti dai seguenti Paesi: Regno Unito, Spagna, Portogallo, Cipro, Grecia e Paesi Bassi. Per maggiori informazioni sulle misure adottate dal Governo francese per gli spostamenti da e per la Francia collegarsi qui .

FRANCIA: NUOVE MISURE. La sera del 12/07/2021 il Presidente della Repubblica francese Macron ha annunciato nuove misure per incentivare la vaccinazione della popolazione francese. Oltre alla vaccinazione che diverrà obbligatoria per i lavoratori della sanità, dal 21/07/21 sarà obbligatorio esibire il pass sanitario per entrare luoghi di svago e di cultura che riuniscono più di 50 persone (ivi inclusi: musei, cinema, teatri, sale di spettacolo). Da agosto, e previa approvazione di una legge, il pass sanitario diventerà obbligatorio anche per entrare in bar, ristoranti, centri commerciali, treni, aerei e pullman di lunga distanza. Il pass sanitario andrà esibito da chiunque ha più di 12 anni (anche se per la fascia di età dai 12 ai 17 anni l’obbligo di esibizione del pass sanitario sarà posticipato al 30 agosto). Per maggiori informazioni sul pass sanitario in Francia, collegarsi qui.

INGRESSI IN ITALIA DALLA FRANCIA: INGRESSI SENZA TAMPONE PER VACCINATI. In forza dell'ordinanza allegata, dal 21/06/2021 si può entrare in Italia dimostrando di essere vaccinati da almeno 14 giorni ovvero di essere guariti dal Covid-19 con contestuale cessazione dell'isolamento. Se non si è in queste situazioni, rimane l'obbligo di tampone PCR o antigenico da effettuarsi non più di 48 prima dell'ingresso in Italia. I bambini sotto i 6 anni di età sono esentati dall'obbligo di tampone.

FRANCIA. QUARTA FASE DI RIAPERTURE E NUOVE REGOLE SUGLI INGRESSI.  Dal 01/07/2021 è entrata in vigore la quarta fase di 'deconfinamento'. Viene tolto l'obbligo di limitazioni di numero di persone all'interno di ristoranti, teatri, cinema, ecc. che potranno quindi essere occupati al 100%. Rimangono le chiusure delle discoteche. Le consumazioni al bar in piedi sono ancora vietate. Permane l'obbligo di mascherina nei locali interni e, per quanto rigarda il lavoro, le autorità francesi hanno di molto ridotto il ricorso al telelavoro: è consigliato comunque per due giorni la settimana.

ITALIA, Modulo di localizzazione – digital Passenger Locator Form (dPLF). A partire dal 24 maggio 2021, ai sensi dell’art. 3 dell’Ordinanza del 14 maggio 2021, chiunque faccia ingresso in Italia, per una qualsiasi durata e attraverso qualsiasi mezzo di trasporto, da Stati o territori esteri di cui agli elenchi B, C, D ed E dell'allegato 20 del dPCM 2/03/2021, prima del proprio ingresso nel territorio nazionale, è tenuto a compilare un Modulo per la Localizzazione in formato digitale, denominato anche Passenger Locator Form digitali (dPLF). In casi eccezionali, ovvero esclusivamente in caso di impedimenti tecnologici, sarà possibile compilare il modulo cartaceo. Il modulo può essere compilato collegandosi a questo indirizzo: https://app.euplf.eu/ Cliccare qui per maggiori informazioni.

ITALIA: MOVIMENTI DI PERSONE ENTRO 60KM DAL CONFINE. Il Ministro della Salute italiano ha firmato un'ordinanza con la quale si dispone l'esenzione dal tampone alle persone che rientrano in Italia dopo essere state in località situate ad un massimo di 60km dal luogo di residenza e domicilio. La permanenza all'estero non deve durare più di 24 ore. L'ordinanza ha validità fino al 31/07/2021.

---------------------------- 

ANDAMENTO DELL'EPIDEMIA IN FRANCIA E IN ITALIA

SITUAZIONE IN FRANCIA:

La diffusione del virus in Francia è in sensibile aumento a causa della "variante Delta". In data 22/07/2021 si sono registrati 21.909 nuovi casi nelle ultime 24 ore, con un tasso di positività pari al 3,2 %. I decessi nelle ultime 24 ore sono stati 11. Il numero degli attualmente ricoverati per Covid-19 in ospedale è di 6.832 pazienti, di cui 868 in terapia intensiva. Ad oggi, il numero totale di somministrazioni del vaccino (prima + seconda dose) è di 70.423.210. Le persone che hanno completato il ciclo vaccinale sono 31.842.541.

Per le informazioni sull'andamento dell'epidemia in Francia, si invita a collegarsi al sito: https://solidarites-sante.gouv.fr/soins-et-maladies/maladies/maladies-infectieuses/coronavirus  e https://www.gouvernement.fr/info-coronavirus .

SITUAZIONE IN ITALIA:

La diffusione del virus in Italia è in progressivo e rapido aumento a causa della "variante Delta". I dati del 22/07/2021 del Ministero della Salute italiano registrano 5.057 nuovi casi nelle ultime 24 ore su circa 219.778 tamponi effettuati (il tasso di positività sale quindi a 2,3 %). I decessi nelle ultime 24 ore sono stati 15. Il numero degli attualmente ricoverati per Covid-19 in ospedale è di 1.392 pazienti di cui 158 in terapia intensiva. Ad oggi, il numero totale di somministrazioni del vaccino (prima + seconda dose) è di 63.879.391 persone, delle quali 29.006.660 hanno ricevuto anche la seconda dose (fonte: https://www.governo.it/ ) .

Per informazioni generali sull’evolversi dell'epidemia e sulle decisioni adottate in Italia, si raccomanda di monitorare il sito http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

 

--------------------------------------------

SPOSTAMENTI ITALIA - FRANCIA

 

ENTRARE IN ITALIA DALLA FRANCIA (DPCM 2/3/2021, artt. 49 e ss)

Chiunque entra in Italia dalla Francia fino al 31/07/2021, per qualsiasi motivo e con qualsiasi mezzo, è obbligato a:
- presentare la certificazione verde da cui risulti di essere vaccinati da almeno 14 giorni ovvero di essere guariti dal Covid-19 con contestuale cessazione dell'isolamento. In assenza, rimane l'obbligo di esibire un tampone molecolare o antigenico effettuato non più di 48 ore prima dell'ingresso in Italia con esito negativo. Il test non è richiesto sotto i 6 anni di età;
- compilare il modulo di localizzazione digitale che sostituisce l’autodichiarazione;
- comunicare al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio il proprio ingresso (Consultare la pagina: COVID-19 Numeri verdi e informazioni regionali)

Eccezioni: Sempre che non sorgano i sintomi del Covid-19, l'obbligo di tampone non si applica alle seguenti situazioni:
a) all'equipaggio dei mezzi di trasporto;
b) al personale viaggiante;
c) ai movimenti da e per gli Stati e territori di cui all'elenco A dell'allegato;
d) agli ingressi per motivi di lavoro regolati da speciali protocolli di sicurezza, approvati dalla competente autorità sanitaria;
e) agli ingressi per ragioni non differibili, inclusa la partecipazione a manifestazioni sportive di livello internazionale, previa autorizzazione del Ministero della salute e con obbligo di presentare al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli un'attestazione di essersi sottoposti, nelle 48 ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale, a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
f) a chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle 120 ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l'obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario;
g) a chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore, con l'obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento
fiduciario;
h) ai cittadini e ai residenti di uno Stato membro dell'Unione europea e degli ulteriori Stati e territori indicati agli elenchi A, B, C e D che fanno ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro, salvo che nei quattordici giorni anteriori all'ingresso in Italia abbiano soggiornato o transitato in uno o più Stati e territori di cui all'elenco C;
i) al personale sanitario in ingresso in Italia per l'esercizio di qualifiche professionali sanitarie, incluso l'esercizio temporaneo di cui all'articolo 13 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27;
l) ai lavoratori transfrontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora;
m) al personale di imprese ed enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all'estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a 120 ore;
n) ai funzionari e agli agenti, comunque denominati, dell'Unione europea o di organizzazioni internazionali, agli agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, ai funzionari e agli impiegati consolari, al personale militare e
delle forze di polizia, al personale del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e dei vigili del fuoco nell'esercizio delle loro funzioni;
o) agli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana;
p) agli ingressi mediante voli “Covid-tested”, conformemente all’ordinanza del Ministro della salute 23 novembre 2020 e successive modificazioni.

Il Decreto legge 22 aprile 2021, n. 52 ha disposto l'applicazione di misure per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da Covid-19. Cliccare qui per ulteriori informazioni.

Prima di partire per l' Italia, si raccomanda altresì di verificare eventuali disposizioni aggiuntive introdotte dalle Regioni di destinazione, contattandole direttamente o visitandone i rispettivi siti web (clicca qui).

FAQ MINISTERO ESTERI: SI RACCOMANDA VIVAMENTE PRIMA DI PARTIRE PER L'ITALIA DI VERIFICARE LA PROPRIA SITUAZIONE CON LA SIMULAZIONE PREDISPOSTA DAL MINISTERO AFFARI ESTERI: CLICCARE QUI PER ACCEDERVI. 

 

ENTRARE IN FRANCIA DALL'ITALIA.

Tutti i viaggiatori provenienti da Paesi "Verdi" (Spazio Europeo, Australia, Corea del Sud, Israele, Giappone, Libano, Nuova Zelanda e Singapore) potranno entrare in Francia senza alcun tampone ma soltanto se già vaccinati (2 settimane dopo la seconda dose dei vaccini Pfizer, Moderna e Astrazeneca; oppure 4 settimane dopo la somministrazione del vaccino Johnson&Johnson). In caso di assenza totale o parziale di vaccinazione, si potrà entrare in Francia sia con un test PCR che con un test antigenico effettuato 72 ore prima della partenza.
Chi entra sul territorio francese dall’Italia deve anche compilare e firmare la dichiarazione che appare in fondo alla pagina https://www.interieur.gouv.fr/Actualites/L-actu-du-Ministere/Attestation-de-deplacement-et-de-voyage

 

TRASPORTI E COLLEGAMENTI FRANCIA-ITALIA:

Tutte le compagnie aeree hanno ripreso collegamenti da e per l'Italia. Rispetto al periodo pre-Covid, tuttavia, il numero dei voli e dei treni è diminuito. Si raccomanda di tenersi collegati con la compagna aerea e di recarsi all'aeroporto con anticipo per il controllo delle certificazioni necessarie.

Per i viaggi in Francia, si prega di consultare il sito http://www.viaggiaresicuri.it/home, sezione: focus coronavirus del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e Scheda Paese Francia al link http://www.viaggiaresicuri.it/paese/FRA.

Le informazioni relative ai transiti aeroportuali a Parigi si trovano a partire dalla pagina https://www.parisaeroport.fr/passagers/les-vols/covid-19-informations-voyageurs#departs (transiti: scendere fin dopo la lista dei Terminal). In sintesi, valgono per il transito le condizioni previste dal paese di destinazione finale fintanto che per cambiare aereo non è necessario uscire dalla zona internazionale.

 

--------------------------------------------------------

CONTATTI

 

Si ricorda che, in generale, in caso di bisogno di assistenza, il referente dei cittadini presenti sul territorio è sempre il Consolato italiano territorialmente competente: https://ambparigi.esteri.it/ambasciata_parigi/it/ambasciata/la_rete_consolare/la-rete-consolare.html . L'elenco dei numeri di emergenza dei Consolati presenti in Francia si trova alla pagina https://ambparigi.esteri.it/ambasciata_parigi/it/ambasciata/numeri-di-emergenza-connazionali.html

 

Pagina a cura dell'Ufficio Sociale e Culturale dell'Ambasciata d'Italia a Parigi: sociale.ambparigi@esteri.it

 


471