Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

COVID-19: LETTERA DI SCUSE DI CANAL+ PER IL VIDEO OFFENSIVO SULL’ITALIA

Data:

03/03/2020


COVID-19: LETTERA DI SCUSE DI CANAL+ PER IL VIDEO OFFENSIVO SULL’ITALIA

A seguito delle proteste effettuate dall’Ambasciatrice Castaldo, l’emittente CANAL+ ha rimosso il video - andato in onda lo scorso 29 febbraio nel programma “Groland Le Zapoi” – che ironizzava in termini profondamente offensivi sul difficile momento che sta attraversando il nostro paese, come d’altronde la maggior parte dei paesi del mondo, nell’affrontare l’emergenza legata alla diffusione del COVID-19.

In un momento così difficile dove siamo tutti chiamati a essere solidali in risposta a questa prova che riguarda il mondo intero, l’Italia affronta l’emergenza grazie a migliaia di italiani (personale sanitario, forze dell’ordine, istituzioni, protezione civile) che ogni giorno danno il loro contributo mettendo allo stesso in pericolo la loro sicurezza personale per lottare contro questa epidemia.

Come sottolineato dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale On. Luigi Di Maio, oltre che oltraggioso e di pessimo gusto, tale video rischiava di ingenerare ingiustificati timori sulla sicurezza dei nostri prodotti alimentari proprio mentre l’Italia è impegnata ad informare, con la massima trasparenza e correttezza, l’opinione pubblica nazionale ed internazionale sulle strette misure di prevenzione adottate nei confronti della diffusione del virus.

Pubblichiamo qui di seguito la lettera di scuse pervenutaci dall’emittente CANAL + e ci uniamo all’invito del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione On. Luigi Di Maio al rispetto dei nostri prodotti di alta qualità e del Made in Italy, eccellenze che non hanno pari nel mondo, anche in materia di sicurezza alimentare.

Nel sottolineare l’importanza di fornire una informazione corretta e trasparente sul fenomeno del COVID-19 in Italia, ringraziamo gli amici francesi per i numerosi attestati di vicinanza e solidarietà ricevuti.


472