Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

INAUGURAZIONE DELL’ESPOSIZIONE “BOTTICELLI” AL MUSEO JACQUEMART-ANDRÉ A PARIGI

Data:

10/09/2021


INAUGURAZIONE DELL’ESPOSIZIONE “BOTTICELLI” AL MUSEO JACQUEMART-ANDRÉ A PARIGI

Inaugurata a Parigi alla presenza dell’Ambasciatrice Castaldo l’esposizione “Botticelli” al Museo Jacquemart-André. Presenti anche la Direttrice del Louvre, il Conservatore della Biblioteca Vaticana e i rappresentanti delle istituzioni museali che hanno prestato le oltre quaranta opere esposte (per l’Italia tra gli altri Musei Vaticani, Uffizi, Galleria Sabauda, Galleria dell’Accademia e Museo Nazionale del Bargello).

Realizzata con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia a Parigi, la mostra presenta fino al 24 gennaio 2022 un percorso cronologico e tematico di studio dello stile di Botticelli, analizzandone la figura di artista, ma altresì quella – meno nota – di imprenditore e maestro.

L’esposizione, come ricordato dalla curatrice Ana Debenedetti, permette al pubblico di entrare nell’atelier polivalente di Botticelli, di ammirarne la capacità di coinvolgere i talenti di bottega (alcuni dei quali identificati per nome per la prima volta) nella realizzazione non solo di tele pittoriche, ma altresì di tappezzerie e paramenti, fino ad interrogarsi sull’influenza sul suo stile delle evoluzioni del suo tempo, e in particolare dell’influenza di Savonarola.

“Botticelli e il suo atelier – così l’Ambasciatrice Castaldo visitando in anteprima l’esposizione – sono un vero laboratorio del Rinascimento. Il percorso espositivo che oggi inauguriamo è la chiara testimonianza della capacità tutta italiana di unire produzione artistica e artigianato, creatività e tecnica, cultura e formazione dei giovani. Botticelli è l’esempio di quell’unione di “coraggio di impresa, creatività e cultura” che il Presidente Mattarella ha ricordato essere uno degli strumenti più importanti per il rilancio e la ripresa del nostro Paese anche in questa fase".

Nell’anno delle celebrazioni per il 700esimo anniversario della morte di Dante, particolarmente significativa l’esposizione di due dei 92 disegni a matita realizzati da Botticelli per illustrare la Divina Commedia, oggi custoditi nella Biblioteca Vaticana.


585